20 marzo 2018

Il Blog di Sabrina Gariddi

La comunicazione è la mia vita.

Sin dal liceo scientifico Enrico Fermi di Ragusa, dove, nel corso degli anni di studio, ho contribuito in modo sostanziale a creare il giornale d’istituto. Un progetto che non aveva una struttura o un’identità, ma a me ha aperto un mondo… quello che poi è diventato il mio! Dopo l’esperienza universitaria, ho cominciato a muovere i primi passi nel mondo del lavoro del giornalismo, prima al quotidiano La Sicilia edizione di Ragusa, e per i successivi diciotto anni presso il gruppo editoriale televisivo VideoMediterraneo. 18 anni di duro lavoro e grandissime soddisfazioni che mi hanno portato, prima, a iscrivermi come giornalista pubblicista all’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e poi a sostenere gli esami, nel febbraio del 2009, e a diventare giornalista professionista.

All’inizio del 2010, ho iniziato a collaborare con il bimestrale Freetime, divenendo, negli anni successivi, direttore responsabile, ed ancora dopo, nell’estate del 2015 anche editore di questo fantastico progetto di crescita professionale ed umana. In modo contestuale è nato il giornale di informazione on line Ragusah24 di cui sono direttore ed anche editore.

Ho sperimentato sulla mia pelle, grazie a tanti amici e colleghi giornalisti, come questo mondo sembrava cucito sulla mia pelle. La notizia prima di tutto, accompagnata sempre dalla verità e dalla deontologia, requisiti che sulla carta sembrano scontati, ma che poi nella pratica quotidiana sono difficili da realizzare. Tuttavia, ci ho provato, e continuo a farlo, perché ci credo, e se così non fosse tradirei tutti gli insegnamenti che negli anni ho appreso e che a mia volta ho trasmesso, affinché la comunicazione sia una cosa seria, in qualunque ambito venga svolta, sia nel giornalismo dell’ultima ora, piuttosto che nella comunicazione aziendale, ed ancora in quella che oggi, giornalmente, ciascuno prova a fare sui social media. Ma anche lì c’è da fare tanti e tanti distinguo. Saper scrivere o ritenere di saperlo fare, è una cosa… decisamente altra riuscire ad interpretare il pensiero altrui, esserne fautore e artefice e tentare di conquistare credibilità e costruire un’identità che non sia replicabile, ma unica.

Questo lavoro mi ha dato un passato di grandi soddisfazioni e immensi progetti che ho avuto l’onore ed il piacere di contribuire a rendere tangibili. Rappresenta il quotidiano di una storia che non è solo la mia, personale e professionale, ma quella di una società che è stata costruita, mattone su mattone, con tanti sacrifici e voglia di risultare credibili, nei fatti e nei contenuti.

I nostri clienti, partner, quanti ci hanno scelti, hanno contribuito alla realizzazione di un piccolo grande sogno, che ha preso le mosse tra i banchi di scuola e che oggi è il senso delle mie giornate e di quanti collaborano con me, rispettando le regole e le condizioni, nella certezza di guardare sempre a testa alta ciascun interlocutore perché lavoriamo con passione ed impegno ed ogni progetto portato a termine è un lavoro di team e di visione che rappresenta noi e la nostra storia di persone e di professionisti che credono in quello che fanno mettendoci la faccia, il senso del dovere e la responsabilità!